Che bellezza andare in visita al MUSE!

In compagnia di alcuni volontari e degli operatori, un gruppo di ragazzi di ITER ha visitato le esposizioni permanenti.
Uno stupore che ci ha portato a soffermarci nella zona della 'Preistoria alpina' dove viene spiegato come l'uomo primitivo sia arrivato nelle Alpi e di come sia riuscito a sopravviverci oltre che alla sua evoluzione comportamentale. Viene anche detto che anche l'uomo di Neanderthal visse sulle Alpi per un certo periodo.

Abbiamo osservato anche la zona 'Fab Lab', un piccolo spazio in cui viene mostrato il lavoro della stampante 3D e i suoi innumerevoli utilizzi nell'uso comune.

Molto interessante la zona della Foresta pluviale.
L’area studiata va dalla Tanzania centro-meridionale al Kenya meridionale, ed è nota per l’elevato numero di specie endemiche , ossia specifiche di singole montagne o valli. Questa straordinaria ricchezza biologica è merito della foresta pluviale, che lì esiste ancora (è l’habitat primario in queste montagne), e della perfetta combinazione di altitudine e piovosità.

All'ultimo piano, si trova la terrazza panoramica, che offre una stupenda vista sulla città di Trento.

Collaborazioni