news

L’orto “Naturaliter” di Via Drio Pozzo si prepara all’autunno e alla chiusura delle attività.  L’obiettivo dell’attività del mercoledì è stato quello di attivare Stefano D. e Mattia L. nella pratiche dell’orto. Come ripulire l'orto e avere un raccolto perfetto per l'autunno?  Raccolti gli ultimi ortaggi, è ora di prendere in mano gli attrezzi e ripulire il terreno in vista delle coltivazioni invernali tra cui i radicchi e le cicorie che resistono alle basse temperature.

Con la zappa sin sono smosse le erbacce per eliminarle e asportate anche le specie perenni ormai esauste. Gli ortaggi raccolti sono stati conferiti alla raccolta di alimenti per le famiglie bisognose.

Mercoledì 28 luglio abbiamo fatto un'uscita a Villa Lagarina al fine di sensibilizzare i ragazzi alla conoscenza del territorio locale.

Abbiamo visitato la Chiesa di Santa Maria Assunta, costruzione in stile barocco risalente al XVII secolo e fatto una piccola sosta per un caffè al bar Roma.

Proseguendo la passeggiata per le vie del centro storico di Villa Lagarina ci siamo imbattuti nei vari palazzi e le molteplici piazze con le loro bellissime fontane e capitelli.

Abbiamo concluso la nostra uscita con la visita ai giardini Guerrieri Gonzaga dove abbiamo conosciuto il marchese Carlo e la curatrice dei giardini, Loredana, i quali sono stati gentilissimi con noi offrendoci anche una gustosa merenda all’ombra del platano, simbolo del parco, dalle misure straordinarie: 47 metri di altezza, 6,40 di circonferenza del tronco e 36 di diametro della chioma.

Nei venerdì dei mesi di luglio e agosto è proseguita, come ogni anno, la piscina estiva con il coinvolgimento di 24 utenti.

Tra questi hanno partecipato Denis, Andrea B., Luana B., Alin C., Antonella C., Marco D., Stefano D., Aitem, Elena E., Federico G., Mauro G., Thomas L., Alessio M., Jon N., Maddalena S., Tiziana, Andrea S., Lorenzo S., Veronica S., Mauro S., Nicola S., Lorenzo V., Rober­­­to  Z., Nicholas  Z.

Questo tipo di attività ha degli obiettivi molto ricreativi e di socializzazione proprio per dare l’opportunità a tutti di beneficiare della proposta.

L’iniziativa è molto apprezzata dai ragazzi in quanto molto rilassante, in un ambiente accogliente ed estivo, si parte al mattino, si gioca a pallone o a carte, si nuota e si rimane a pranzo in un clima molto allegro e sereno.

L’attività permette inoltre di coinvolgere l’utenza anche negli aspetti di autonomia nella vestizione e negli aspetti igienici, ma anche in ambito comportamentale e di relazione in un ambiente esterno alla cooperativa.

Articolo a cura di Roberto Miorandi

La cooperativa Iter ha incontrato a inizio luglio gli atleti delle Fiamme Gialle di atletica leggera.

L'incontro è stato riportato sulla rivista "Il Finanziere" con un intervista a Paolo Mazzurana, direttore della cooperativa Iter.

 

A conclusione dei Campionati Italiani assoluti di atletica una rappresentanza della Fiamme Gialle ha fatto visita alla Cooperativa "Iter" di Rovereto. I ragazzi hanno spiegato agli atleti, con l'aiuto di operatori  e volontari che sostengono quotidianamente l'attività della cooperativa, come svolgono il proprio lavoro, in un clima di sincero entusiasmo ed allegria.               

Carolina Visca, Sonia Malavisi, Simone Forte, Gabriele Chilà, Daisy Osakue, insieme a un gruppo di atleti della sezione giovanile e tecnici gialloverdi, accompagnati dal Comandante del I Nucleo Atleti, T.Col. Aldo De Donno, sono stati accolti dal Direttore della Cooperativa Paolo Mazzurana, che ha guidato la visita presso i laboratori in cui i ragazzi diversamente abili producono oggetti di eccezionale fattura (bomboniere, album fotografici, scatole, cinte, ecc.) utilizzando materiali riciclati ed assemblandoli per la vendita, che avviene su ordinazione e attraverso un punto vendita situato nel centro di Rovereto.

Al termine dell’incontro gli atleti hanno risposto alle domande e curiosità e hanno donato loro dei piccoli presenti a ricordo di questa giornata speciale ricca di affetto, sorrisi e amicizia.

L’attività di accoglienza in ingresso ha l’obiettivo di  coinvolgere e responsabilizzare gli utenti coinvolti al fine di ottenere un’entrata controllata seguendo le normative previste dal corona virus. Dalle ore 8 del mattino è compito di Stefano D. occuparsi del controllo in accoglienza. Il mercoledì, giorno in cui Stefano è impegnato nell’attività di orto, è previsto l’intervento di Veronica. In questo passaggio viene richiesto a Veronica un’attenzione particolare verso i compagni, operatori e volontari che entrano in cooperativa.

Avere cura nell’accoglienza richiede una memorizzazione dei passaggi tra cui la consegna della mascherina,  segnare la presenza e far igienizzare le mani ai compagni. In alcuni casi viene richiesto di chiamare gli operatori affinché siano aiutati i compagni con meno autonomie e difficoltà nel comportamento.

Questa attività mira a far crescere una maggior autonomia lavorativa rafforzando così l’autostima e sicurezza di sé.

 

Pagine

Collaborazioni